|   Vedi elenco prodotti

 

 

E’ all’inizio del secolo scorso che comincia la storia del Domaine Lignier Michelot.
Il vigneto originario venne diviso per questioni ereditarie e fu Maurice Lignier ad iniziare la sua avventura, tra le due guerre, coltivando vigne e campi come era abitudine all’epoca.

Suo figlio Maurice inizia la conduzione dell’azienda negli anni ‘60.
Molto appassionato di viticoltura, abbandona i campi per lavorare solo le vigne.
Lascia molto presto la cooperativa locale per vinificare in proprio i crus del Domaine.
I vini allora venivano venduti dopo l’affinamento ai migliori commercianti della Borgogna.

Nel 1974, incoraggiato dalla moglie Renée Michelot, acquista e reimpianta un ettaro e mezzo di vigna a Morey Saint Denis “En la rue de Vergy”, riconosciuto oggi come uno dei migliori Cru del luogo.
All’inizio degli anni ’90 fa il suo ingresso in azienda il figlio Virgile, dopo gli studi di Enologia al liceo di Beaune.
Per 10 anni lavorano insieme cercando di sviluppare soprattutto la vendita del vino in bottiglia. Nel 2000 Virgile prende da solo il timone dell’azienda e, insieme alla sua équipe, fa di tutto per migliorare i suoi vini in precisione e definizione di “terroir”.

Gli sforzi sono fatti in un primo tempo in cantina (selezione delle uve vendemmiate, macerazioni più lunghe, migliorie nell’affinamento) poi nelle vigne (vendemmie verdi, lavori del terreno, lotta ragionata) per ottenere la migliore uva possibile.

Obbiettivo raggiunto dagli ultimi millesimi, che ottengono ottimi giudizi unanimi dalla stampa specializzata.
Ma il cammino è ancora lungo e la filosofia dell’azienda Lignier Michelot non cambia: qualità e rispetto dei “terroirs”.